Come riprogrammare il subconscio

Bentornati su LivingDeepLife, oggi parleremo di come riprogrammare il subconscio.

Se desideri rimanere aggiornato sulle nostre novità seguici su InstagramFacebookTwitterTumblrPinterest.

Puoi anche ricevere le notifiche dei nostri articoli sul nostro fantastico gruppo Telegram.

È un passo semplice, grande, qualitativo e pressoché fondamentale per avvicinarci a un benessere ancora più tangibile nella nostra vita.

Dead Sunday, Face, Soul, Head, Thoughts, Spirit, Mask

Anche questa volta Living Deep Life ti svelerà un piccolo grande segreto e come poterlo applicare alla TUA vita con efficacia e semplicità.

Come sempre iniziamo facendo un piccolo passo indietro in modo da poter comprendere meglio perché, dove e come questa tecnica agisce.

 

PERCHÉ?

Tempo fa un’amica laureata in psicologia mi disse che le era stato rigorosamente insegnato a NON psicanalizzarsi da soli altrimenti si sarebbe precipitati in vuoto pazzesco.

Una frase che intimidisce una cosa già “spaventosa” da fare, ovvero: smettila di giudicarti, ma guarda cosa c’è al tuo interno.

Da quali pensieri/convinzioni sei “composto”? Perchè reagisci cosi?… e.. insomma dopo anni di vita magari iniziare a conoscersi: che senso ha andare avanti nella vita se non so nemmeno chi sono e di conseguenza quale sentiero fa al caso mio?

Una volta che hai compreso questo le nubi che hanno sempre offuscato la mente si dissolveranno. Quando il cammino sarà limpido saranno grandi risate nel notare che la strada è sempre stata in discesa ed un’incredibile tranquillità e gioia permeeranno in voi. Nulla toglie che potreste comunque provare anche della rabbia per esservi fatti magari rovinare la vita da qualcuno o qualcosa, per aver sofferto inutilmente…

Sarà proprio questa la parte più divertente perché questa rabbia che sto raccontando si trasformerà nelle risate più sincere e soddisfatte che vi siate mai goduti.

 

DOVE?

Per chi ancora non ne fosse a conoscenza è di vitale importanza distinguere e comprendere la suddivisione della nostra mente, per farlo ricorriamo ad un concetto freudiano con quest’immagine, in modo che sia nettamente chiaro:

Vi si è accesa una lampadina? Perchè quando io lo scoprii mi si accese tutto il lampadario.

Siamo ora d’accordo che il lavoro più grosso da fare sta radicato nei meandri più profondi del nostro essere di cui non siamo neanche a conoscenza? Sembra pazzesco eppure è cosi. Il nostro comportamento è in maggior parte dettato dalla sfera non cosciente.

Per rendere ancora più lucido il concetto devo porre una domanda da rivolgere a voi stessi: al telegiornale quante brutte notizie si sentono? Troppe vero? Dove sono posizionate? Per prime vero? E le ultime notizie positive che lasciano alla fine del TG? Sono per lo più gossip o no? Quindi dov’è la notizia “positiva” in realtà? In questa maniera ti forniscono tutti i giorni notizie che possano solo alimentare la tua paura e farti sentire debole per poterti controllare meglio.

Nella psicologia del marketing invece puntano a suscitare un’altra emozione, e qui entro nel merito della mia esperienza personale per poter parlare in prima persona.

Nelle prime esperienze lavorative della mia vita divenni tirocinante presso un ambizioso salone di parrucchieri il quale mi diede l’opportunità di praticare dei corsi molto importanti in affiliazione ad un’accademia di Milano.

Per evitare una narrativa, arriviamo direttamente al nocciolo: in quattro e quattr’otto capii subito che prima si crea la moda e dopo la si fa piacere. Per favore prestate attenzione a ciò che ho sottolineato.

Ci sono veramente troppe cose da dire e ne parleremo nei prossimi articoli; ora comprendiamo questa cosa. Nel marketing, nella politica, ecc., chi ha molto potere riesce fondamentalmente a indirizzare il pensiero delle persone verso i propri interessi. Come fanno tutto questo? Semplicemente andando ad inserire nella tua parte inconscia desideri, aspettative e negatività.

Concedetemi quest’esempio che mi permette di collegarmi al COME fare per sfruttare la situazione a nostro vantaggio. ESEMPIO: le canzoni che vi passano 100 volte al giorno in radio, tv, youtube, l’amico già influenzato che cerca di metterla in testa anche a voi. Anche se vi disgustava ecco che piano piano subconsciamente iniziate a recitarla a memoria quando la sentite alla radio, ecco che sul lavoro senza pensarci vi cantate il motivetto o il ritornello. Che assurdità.. Eppure..

 

!!!STOP!!!

COME DI CONSUETUDINE STOP ALLA TEORIA E VIA ALLA PRATICA 

 

QUINDI COME FARE PER RIPROGRAMMARE IL SUBCONSCIO?

Eccoci giunti al mio momento preferito.

Abbiamo capito che per indirizzarci verso qualcosa senza che noi possiamo rendercene conto utilizzano questa tecnica che colpisce le emozioni e abitudini principalmente appartenenti al subconscio; vedi foto sopra. Cosi facendo seminano in noi qualcosa che farà germogliare idee e sensazioni che non ci appartengono nemmeno. Perchè fanno questo? Solo perchè vogliono i nostri soldi? Solo perchè ci vogliono manipolare? Capite che non hanno nemmeno un motivo altruista o benevolo per fare tutto questo?

Ora, fermiamoci e capovolgiamo il nostro punto di vista, prendiamo il succo di tutto quanto detto finora e rovesciamo la situazione a nostro vantaggio:

  • Realizzare che chiunque di noi è potenzialmente fuori strada dall’essere ciò che si dice “se stesso”.
  • Capire i motivi per cui questo avviene, io vi ho fatto degli esempi ma basta prestare un pò di attenzione verso se stessi e iniziare a porsi delle domande per rendersi conto quanto si è “corrotti”.
  • Intervenire sin da subito e in maniera costante per riprogrammare il nostro subconscio.
  • Comprendere che l’obiettivo comune di noi è quello di star bene, essere gioiosi, immersi nella vita, è così? Bene, eccoci arrivati alle affermazioni positive!

 

Piccola premessa: le affermazioni non sono l’unico modo come riprogrammare il subconscio.

Altri metodi sono ad esempio la meditazione, lo yoga, la visualizzazione etc., ma queste tecniche hanno purtroppo (e ora vi svelo perchè) tutte una cosa in comune: sono tecniche attive.

Cioè richiede quindi molto impegno e consiglio vivamente a tutti di iniziare al più presto anche con queste tecniche.

In questo articolo vedremo una tecnica per riprogrammare il subconscio più semplice/passiva, che si differenzia dalle altre perchè ti permette di sfruttare un momento importantissimo della giornata, IL SONNO.

Non puoi meditare se dormi, non puoi visualizzare anzi, se per caso un sogno ti fa visualizzare qualcosa di brutto mentre dormi ti sveglierai triste tra l’altro!

Ecco che quindi durante il giorno dovrai praticare attivamente, ma per la sera? Ti prendi un bel video di affermazioni positive (COME QUESTO CLICCA QUI) e semplicemente lo riproduci con delle cuffie prima di metterti a dormire. In questa maniera quando ti addormenterai la voce del video continuerà a ripeterti nell’orecchio nel sonno frasi come: SONO FELICE E RILASSATO, SONO FELICE E RILASSATO,…..

A molti può far sorridere la cosa o sembrare una bufala o cose di questo calibro, ma in futuro sarete costretti a ricredervi. 🙂

Non aggiungo altro a questo articolo se non lo svelare un mio trucco che ha migliorato drasticamente la mia esperienza quotidiana con le affermazioni positive.

Ovvero???

Come dicevo prima di riprodurre il video/audio delle affermazioni tramite l’uso di cuffie fondamentale per isolarvi da tutto il resto e avere un ascolto nettamente migliore.

Sapete quanti notti mi sono rovinato negli anni per il fatto di girarmi e rigirarmi nel letto e ritrovarmi con il cavo delle cuffie che mi voleva strangolare? Oppure con dolori lancinanti alle orecchie per la pressione causata dagli auricolari nelle orecchie dormendo lateralmente?

Dopo tutti questi anni mi son bastati 20€ per eliminare tutti questi malanni causati da cuffie normali utilizzando questo prodotto —-> CLICCA QUI

 

Vi ringrazio per l’attenzione, Living Deep vi saluta e vi invita a seguirci attivamente per non perdervi altri consigli, trucchi, pratiche per rivoluzionare la vostra vita e, come dal nostro nome, vivere una vita più profonda.

4 commenti su “Come riprogrammare il subconscio”

  1. La meditazione la si può iniziare da soli oppure bisogna frequentare delle lezioni per iniziare? Io avevo cercato tempo fa nella mia zona se ci fossero corsi ma non ne esistono. Fanno però sedute di meditazione con campane tibetane e gong, a cui ho partecipato, ma da cui non ho avuto alcun giovamento. Quindi ancora nessuno mi ha spiegato come si fa e dove si può fare. Ci sono molti video su Youtube ma non riesco a seguirli. Tempo fa ho praticato Tai chi, con un maestro, in jna classe di allievi principianti, e mi son trovata molto bene. Dicevano cge il Tai chi è meditazione in movimento. Durante una lezione, dopo alcuni mesi, ho avuto una specie di evento strano. Ad un certo punto, mentre eseguivo una forma, non ho visto più nessuno attorno a me, e stranamente ho visto dentro di me, dentro il mio corpo, una sfera di luce chiarissima e caldissima. Questa cosa mi ha sconvolta e rassicurata tanto. Mi son sentita riscaldata e presa da un senso di benessere immenso. Tutt’oggi non so cosa fosse successo. Non ho detto nulla al mio maestro e a nessuno. È durato pochi secondi ma è stato davvero molto intenso. Che consiglio mi date? Posso fare meditazione da sola oppure devo cercare un maestro?

    1. Salve Amleta, pensi alla meditazione come sinonimo di concentrazione.
      Così è semplice e chiaro il concetto.
      Concentrare TUTTA QUANTA la propria attenzione su qualcosa.
      Per allenarci a sviluppare questa consapevolezza, usiamo concentrarci sul nostro respiro naturale senza divagare in altri pensieri.
      Acquisita una certa padronanza, bisogna portare la meditazione in tutto ciò che si fa; nel suo caso il Tai Chi.
      Praticare meditazione è semplice ed è paragonabile a comprare una ferrari con 100€, hai tanto con poco.
      Quindi non abbia paura e si inizi il prima possibile con questa disciplina.

  2. Pingback: La frequenza del cervello e il fenomeno della risonanza - Living Deep Life

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *