Il colore verde, benefici

Green Leafed Plant Selective Focus Photography

Il colore verde, benefici 

Bentornati su LivingDeepLife, oggi parleremo dei benefici del colore verde.

Se desideri rimanere aggiornato sulle nostre novità seguici su InstagramFacebookTwitterTumblrPinterest.

Puoi anche ricevere le notifiche dei nostri articoli sul nostro fantastico gruppo Telegram.

Il verde nella cromoterapia riveste un ruolo fondamentale, in quanto il verde è armonia. È il colore della natura e dell’equilibrio. È il colore della spinta verso il benessere, verso la calma e allo stesso tempo ci carica di energia. Sì, perché il verde non riscalda, né raffredda, non è né acido tantomeno alcalino. Questo è dato anche dal fatto che il verde rappresenta un colore neutro rispetto al fulcro dello spettro solare.  Quindi è il colore idoneo per l’equilibrio.

Non a caso l’occhio umano ha il picco di massima sensibilità per le frequenze relative alla luce verde. Distingue, cioè, prima il verde, poi il rosso e infine il blu.

Aumento della concentrazione

Un beneficio del colore verde è legato all’aumento della concentrazione. Un aumento della concentrazione e sensazione di benessere sono gli effetti studiati dal signor Lee (2015). Viene mostrato come la vista di uno scenario verde fuori dalla propria finestra possa aumentare attenzione e benessere sul luogo lavorativo. 

Lo ribadisce uno studio condotto presso l’Università di Edimburgo pubblicato su Landscape and Urban Planning. Gli studiosi hanno arruolato persone di età compresa fra i 33 e i 55 anni. Questi ultimi erano abitanti in aree che avevano perso il lavoro. A queste persone hanno poi prelevato un campione di saliva per esaminarne la concentrazione di cortisolo. (ormone dello stress).

Come spiega Catharine Ward Thompson, autrice dello studio, in zone dove la presenza di spazi verdi era inferiore al 30% il livello del cortisolo risultava eccessivo nell’organismo degli abitanti. Andavano normalizzando invece i livelli gradualmente per ogni punto percentuale di spazio verde in più. Questo studio evidenzia l’impatto che possiede la mancanza di spazi verdi sulla capacità di gestire lo stress. Dimostrando il fatto che questo colore è potentissimo.

Benefici evolutivi 

Questo effetto sembra collegarsi alla teoria della biofilia e alle potenzialità ristorative degli elementi naturali (Kaplan, 1995). Secondo Kaplan il verde essendo il colore predominante in natura possiede un effetto evolutivo fissato nel subconscio.

Gli umani hanno ricevuto per milioni di anni un vantaggio evolutivo dalla possibilità di contatto con contesti naturali. 

Secondo questa affermazione hanno sviluppato un’innata propensione a reagire positivamente davanti a questi contesti. I benefici del colore verde sembrano quindi avere radici ancestrali.

Person Walking Between Green Forest Trees

Migliora il cervello

Un altro beneficio del colore verde sono le migliorie sul cervello. Uno degli studi che avvalora questa tesi è Nature and Neurodevelopment: Differences in Brain Volume by Residential Exposure to Greenness.

Effettuato su 263 bambini di età compresa tra i 7 e 9 anni. Questo studio ha prodotto uno schema dei cambiamenti della struttura cerebrale relazionata all’esposizione alla vegetazione. 

I risultati di questa ricerca hanno stabilito in primo luogo definendo un indice di esposizione al verde. Quantificava la vegetazione naturale (quantità di alberi, parchi, boschi, ecc.) nella zona in cui ciascun bambino abita.

Secondariamente, hanno sottoposto ogni bambino ad una risonanza magnetica. La risonanza magnetica ha rilevato l’estensione delle varie aree cerebrali. L’ultimo passaggio è stato quello di accertarsi delle capacità cognitive di ogni bambino attraverso un test al computer. 

La ricerca ha permesso perciò di mappare i cambiamenti della struttura cerebrale dei bambini. Questo era in relazione alla quantità di verde a cui sono esposti. Il risultato è uno, chi è più vicino alla natura ha maggiori capacità cerebrali.

Studi riguardo il miglioramento dei sintomi di demenza

Secondo una revisione di 17 studi indipendenti (Whear et al., 2014), la presenza di giardini in cliniche contro la demenza può procurare benefici terapeutici davvero molto importanti.

All’Università di Exeter Medical School hanno scoperto che i giardini riducevano l’agitazione dei pazienti. Allo stesso tempo ne promuovevano l’annesso senso di rilassamento. 

La dott.ssa Rebecca Whear, autrice principale dello studio ha rilasciato la seguente dichiarazione. “Vi è un crescente interesse nei confronti degli interventi che promuovono il miglioramento dei sintomi di demenza senza passare necessariamente all’uso di farmaci….

…Siamo arrivati alla conclusione che gli spazi verdi nelle cliniche possano portare un sostanziale beneficio ai pazienti affetti da demenza. Tutto questo avviene tramite la stimolazione sensoriale ed un ambiente che ne promuova il riaffiorare dei ricordi.”  I benefici del colore verde sembrano quindi poter essere fondamentali per questi pazienti.

Combattere i sintomi depressivi 

All’Università dell’Essex è stato svolto uno studio. il quale prova che fare attività fisica in un’area verde può contribuire a ridurre la depressione fino al 70%.

Allego questo prodotto che darà un grande aiuto al tuo benessere quotidiano. Questo è un soffione per la doccia che puo essere impostato sulla colorazione verde. Un ottima combo se abbinato al potere degli ioni negativi che vengono creati quando facciamo la doccia. Seguire questa pratica giornalmente andrà a creare un grande benessere. Il tutto senza il minimo sforzo, svolgendo un azione che svolgeremo comunque. 

CLICCA QUI

5 commenti su “Il colore verde, benefici”

  1. Pingback: Meditazione nella natura beneficiMeditazione nella natura - Living Deep

  2. Anche colorare le pareti di verde aiuta in qualche modo? Io non ho mai usato questo colore per la casa ma se ha questo effetto positivo potrei provare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *