Wim Hof l’uomo ghiaccio

 

wim hof uomo ghiaccio

Bentornati su LivingDeepLife, oggi parleremo di un personaggio che detiene la bellezza di 21 record mondiali. Tra cui quello della più lunga immersione in una vasca piena di ghiaccio (112 minuti). 

Se desideri rimanere aggiornato sulle nostre novità seguici su InstagramFacebookTwitterTumblrPinterest.

Puoi anche ricevere le notifiche dei nostri articoli sul nostro fantastico gruppo Telegram.

Il suo nome è Wim Hof mentre il suo nome d’arte è iceman ovvero l’uomo ghiaccio. È riuscito in imprese che potremo definire completamente pazze. Scalare montagne innevate vestito solo con dei pantaloncini, nuotare sotto la superficie del ghiaccio al polo nord e molte altre.

Wim Hof è in grado di sviluppare attraverso il potere della mente la capacità di regolare la sua temperatura corporea.

Immagino ti starai chiedendo come questo sia possibile. Ti starai chidendo in cosa consiste il metodo Wim Hof. I fondamenti dell’uomo ghiaccio sono essenzialmente la respirazione, la docce fredde, lo stretching e la meditazione. Tutto questo deve essere praticato con assoluta costanza.  Le sue tecniche di respirazione sono capaci di alzare il termostato interno dell’organismo. Anche la concentrazione è strettamente associata alla respirazione. Poiché si usa la respirazione per entrare in uno stato di vigilanza assoluta. Andiamo ad analizzare la sua preparazione.

Metodo Wim Hof, come funziona

Respirazione 

L’allenamento inizia preferibilmente al risveglio eseguendo una serie di 30/40 respiri molto profondi. Il tutto espandendo il più possibile il diaframma e svuotando i polmoni. L’ultima volta che espiriamo completamente fino in fondo buttando via tutta l’aria che abbiamo. Cercare di non sforzare eccessivamente, ma rimanendo in apnea per quanto più tempo riusciamo. Dobbiamo ripetete questa serie di respirazioni per 3 volte. Questa tecnica aiuterà il corpo ad eliminare un elevata quantità di anidride carbonica.

Trattenendo il respiro dopo l’espirazione, il corpo trattiene una gran quantità di anidride carbonica e compensa attraverso il rilascio di più ossigeno nei mitocondri. I mitocondri sono coloro che forniscono energia alle cellule. Trattenere il respiro dopo l’espirazione causa una reazione parasimpatica ovvero di relax.

Bagno freddo

Il punto centrale dopo l’iperventilazione, è l’immersione in acqua fredda. Basta iniziare con una doccia o un bagno di 30 secondi. Successivamente aumentare il minutaggio in maniera graduale. Questo per abituare il corpo ed evitare shock termici. Le persone che hanno testato questo metodo confermano che fin dalla prima volta, la sensazione è quella di energia immediata e di chiarezza mentale. I benefici aumentano con le settimane e i mesi. Questo si verifica perché la respirazione intensiva fornisce un carico maggiore di ossigeno. La sensibilità al freddo diminuisce sensibilmente. Stati come l’ansia traggono giovamento dalla pratica, in particolar modo da questo tipo di respirazione. Questo succede perché le molecole antiossidanti endogene, cioè quelle che il nostro organismo è in grado di produrre autonomamente, subiscono un incremento. Queste molecole antiossidanti sono glutatione ridotto, super ossido dismutasi e catalasi. Questi antiossidanti rappresentano la difesa contro i radicali liberi. Combattono quindi l’invecchiamento delle cellule e agiscono anche contro virus e batteri. 

Osservazioni scientifiche del metodo Hof

Numerose istituzioni scientifiche stanno seguendo da vicino il metodo di Wim Hof l’uomo ghiaccio. Ad esempio l’Università australiana RMIT, il Radboud Medical Center di Nijmegen, l’Amsterdam Medical Center, la Wayne State University. Ad oggi, la scienza dimostra che questo metodo sia realmente in grado di migliorare le prestazioni del sistema immunitario ma non solo. Aiuta anche quelle sportive, aiutare a recuperare energie fisiche e mentali, migliorare il sonno, aumentare la forza di volontà e rafforzare la concentrazione mentale, aiutare a superare momenti di depressione.

Consiglio caldamente di leggere i suoi libri. Questo è tradotto in italiano ed è fatto veramente bene. Esiste anche una classe online fondata da WIm Hof. Molto utile per chi volesse praticare la resistenza al freddo. Ho provato in prima persona le tecniche e sono davvero molto valide. Ho visto grandi risultti già dopo cinque/sei doccie fredde.

CLICCA QUI

 

2 commenti su “Wim Hof l’uomo ghiaccio”

  1. Pingback: Respirare bene, come reagirà il tuo corpo? I segreti della respirazione consapevole - Living Deep

  2. Pingback: Doccia calda: Pro e Contro - Benessere - Living Deep Life

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *