fbpx

Come reagiscono le piante alla musica?

Bentornati su LivingDeepLife, oggi parleremo di piante e musica.

Se desideri rimanere aggiornato sulle nostre novità seguici su InstagramFacebookTwitterTumblrPinterest.

Puoi anche ricevere le notifiche dei nostri articoli sul nostro fantastico gruppo Telegram.

Dopo aver parlato dei benefici degli effetti della musicoterapia sugli esseri umani parleremo dei benefici della musica sulle piante. Andremo a vedere degli esperimenti che provano che le piante reagiscono alla musica. La musica fà bene alle piante e a testimoniarlo ci sono decenni di studi in tutto il mondo. Inizialmente la scienza ufficiale ha guardato con scetticismo quest’ipotesi, ma col passare del tempo più studi hanno evidenziato che gli organismi vegetali rispondono agli stimoli musicali.

Come fanno le piante ad ascoltare la musica se non hanno le orecchie?

Le piante “ascoltano” la musica tramite due metodi. Il primo tramite effetti meccanici del suono (la risonanza, la pressione e le vibrazioni). Il secondo tramite effetti elettromagnetici (condotti anche da risonanze, fenomeni elettromagnetici e vibrazioni energetiche). Questo ci fà capire come i benefici della musica possano essere ottenuti sotto forme differenti.

L’effetto sulle piante 

Nel 1950, il dott Singh, capo del Dipartimento di Botanica all’Università di Madras studiò al microscopio se lo scorrere del protoplasma dell’ Hydrilla verticillata (pianta acquatica), potesse essere influenzato o meno dal suono.

Singh posizionò così un diapason elettrico a due metri dalla pianta, osservando che la vibrazione emessa prima dell’alba causava un notevole aumento del protoplasma. In condizioni normali si sarebbe verificato solo dopo il levare del sole.

Sperimentò la musica su un vasto numero di specie tra cui cipolle, sesamo, ravanelli e patate dolci. Ottenne un incremento nella crescita, della fioritura e della produzione dei semi. Riscontrò ottimi risultati anche con le piante di riso, sugli arachidi e sul tabacco, incrementando la produzione con picchi fino al 60%. Gli studi sulla correlazione fra musica e crescita delle piante sono tanti e testimoniano sia correlazioni positive che negative.

È stato notato che eccessi di volume o musica troppo invasiva producono seri danni alla crescita dei vegetali. Le piante esposte a un certo tipo di musica crescevano più velocemente e più alte di quelle normali. Quelle troppo vicine agli altoparlanti subivano qualche danno alle foglie, ma le rese potevano essere comunque anche del 20%. I gusti musicali prediletti della piante sono la musica del nord dell’India, seguita dalla musica classica e quella jazz. Questo lo portò a pensare che le piante preferivano il suono degli strumenti a corda rispetto a quelli a percussione.

La musica protegge anche dai parassiti

Basta pesticidi, alle piante piace Mozart - Galileo

Come reagisce la vite alla musica? Esperimenti sulla vite hanno dimostrato che le piante trattate con la musica evidenziavano una superficie fogliare maggiore rispetto a quelle non trattate. Con riflessi sulla qualità del vino e la diminuzione degli attacchi degli insetti e dei parassiti alle piante d’uva di oltre il 50%.
Numeri che possono bastare da soli a considerare l’impiego della musica fra i vigneti come buona abitudine.

Per effetto delle vibrazioni sonore, sgradite ad alcuni parassiti, si possono limitare gli effetti di quest’ultimi persino in orti e giardini. Se avete un orto provate a utilizzare la musica classica, specialmente Mozart, Hendel, Bach, in cicli ripetuti di ascolto per ottenere dei risultati visibili.

La parte più interessante a mio parere è quella relativa agli attacchi degli insetti. È come se la pianta attirasse meno gli attacchi del mondo esterno. E se la stessa cosa succedesse agli umani? Saremmo forse in grado di attirare meno negatività nelle nostre vite? 

Ma la sperimentazione sugli effetti della musica sulle piante a che serve?

A ridurre le sostanze inquinanti e dannose per la salute in fase di produzione. Nel Trentino Alto-Adige un team di scienziati

coordinato da Ilaria Pertot ha condotto delle ricerche sperimentando proprio questa possibilità. Riducendo il quantitativo di pesticidi trattando le vigne con strumenti eco-compatibili: onde sonore e feromoni.

 

Per chi avesse delle piante a casa e volesse provare questi esperimenti in prima persona noi di Living Deep Life abbiamo trovato un articolo sensazionale ai costi più bassi sul mercato. Questo fantastico vaso funge anche da cassa musicale. Un ottimo attrezzo per combinare due utilità con un solo acquisto.

CLICCA QUI

 

Music Flower pot, Envolve LED smart touch Music vaso di fiori con altoparlante Bluetooth wireless, luce notturna multicolore, Play piano musica su una vera pianta con luci LED colorati (senza pianta)

3 commenti su “Come reagiscono le piante alla musica?”

  1. Il mondo delle piante è sempre così affascinante. E’ incredibile quante cose, in questi ultimi anni, stiamo scoprendo su di loro. Fa quasi pensare che noi siamo fatti per coesistere in armonia con la natura 😉 😉 😉

    Grazie per questo bellissimo articolo 🙂

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: