fbpx

Meditazione nella natura

Bentornati su LivingDeepLife, oggi parleremo della meditazione nella natura.

Se desideri rimanere aggiornato sulle nostre novità seguici su InstagramFacebookTwitterTumblrPinterest.

Puoi anche ricevere le notifiche dei nostri articoli sul nostro fantastico gruppo Telegram.

Le ragioni per cui scegliamo di meditare possono essere varie, rilassare la mente, far fluire meglio la nostra energia, tentare di ristabilire un po’ di calma interiore. Per essere in grado di ottenere più risultati correttamente è spesso consigliato di fare una meditarzione nella natura. Ma perchè?

Stai meglio quando ammiri la natura vero?

Ammirare è una forma di focalizzazione rilassata delle energie. Normalmente prestare attenzione ci costa un certo sforzo, mentre ammirare è un modo passivo di porre l’attenzione.

Quando ammiriamo qualcosa, ne siamo rapiti, senza bisogno di fare nulla. È come se qualcosa ci arrivasse attraverso i nostri sensi e catturasse la nostra energia. Questa forma di attenzione è addirittura rigenerante.

La natura è piena di stimoli che suscitano in noi fascinazione. Tutti noi rimaniamo incantati di fronte a uno spettacolo naturale.

Da milioni di anni, il cervello umano si è abituato agli stimoli della natura, osservando mari e montagne, animali e vegetali,  movimenti e mimetismi. Sul livello evoluzionistico, la natura era e rimane la nostra casa.
Come ogni volta che torniamo a casa una parte di noi si rilassa, così accade quando torniamo in natura. Ci consente di entrare in uno stato di amore, pace e gioia.

Per comprendere dove la natura incontra la meditazione, ti parlo prima alla teoria della rigenerazione dell’attenzione attraverso la natura. È stata elaborata da due psicologi dell’università del Michigan, Rachel e Stephen Kaplan. La coppia studiò molti campioni di popolazione. È stato concluso che l’attenzione focalizzata viene ripristinata dopo una immersione in natura. Attraverso una passeggiata, anche semplicemente la visione di un panorama verde. Ho scritto un articolo  riguardo il potere del colore verde sul cervello in relazione alla natura.

Image result for meditazione nella natura

La differenza tra la normale meditazione e la meditazione nella natura

Grazie alla bellezza dei passaggi, ai suoni dell’ambiente e alla qualità dell’aria che si respira, abbiamo un aiuto in più per il raggiungimento di uno stato di meditazione corretto. Il fatto di non ritrovarsi in ambienti cosiddetti stagni, alcune volte negativi, ti aiuta ad ottenere un rilassamento maggiore. L’aria pura può aiutarti nella respirazione e il rumore di alcuni uccelli, così come il rumore delle onde, può rimpiazzare l’uso di un mantra.

È un richiamo a quello che l’uomo è sempre stato un animale che affonda la sua origine nella natura. Solo qui riesce a ritrovare ed a sentirsi nuovamente se stesso.

È un legame speciale che rende l’uomo libero.

I più spirituali dicono che è possibile connettere più facilmente la nostra natura umana a quella della terra, aiutandoci a risvegliare il nostro potenziale spirituale. Scopri tutti i benefici della natura nel nostro articolo dedicato.

Sono passati migliaia e migliaia di secoli dalla comparsa dell’uomo sulla terra ma il suo rapporto con la natura non è mai cambiato, un legame speciale che rende l’uomo libero, sia psicologicamente che moralmente. La natura è l’unico posto in cui l’uomo può sentirsi davvero se stesso. Poiché dalla natura è nato e della natura fa parte. Come ad essere un tutt’uno con essa. Questo spiega perché meditare nella natura amplifica i benefici. Ammirarne la bellezza e l’imponenza. Sentire l’anima più leggera e il cuore più felice. Essendo inconsciamente consapevoli di essere parte di qualcosa molto più grande di noi.

 

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: